DOAJ: attenzione alle rivista che dichiarano il falso!

DOAJ, con un post di qualche tempo fa, richiama l’attenzione sul fatto che ci siano alcune riviste che dichiarano falsamente di essere indicizzate, mentre non lo sono affatto.

In molti casi, la home page della rivista mostra porta il logo della directory insieme ai loghi di altri servizi di indicizzazione. Anche se DOAJ scrive a questi editori ingiungendo di rimuovere il logo, non c’è  alcuna garanzia che la rimozione venga effettuata. In alcuni casi si tratta di riviste che sono state rimosse dalla directory con il cambiamento dei criteri di accettazione.1Marchitelli, A., Galimberti, P., Bollini, A., & Mitchell, D. (2017). Helping journals to improve their publishing standards: a data analysis of DOAJ new criteria effects. JLIS.it, 8(1), 1-21. doi: http://dx.doi.org/10.4403/jlis.it-12052 In altri potrebbe trattarsi di riviste che hanno fatto domanda ma non sono ancora state accettate. In molti altri casi si tratta invece di una vera e propria dichiarazione falsa.

Controllare sempre!

Per questo raccomando di controllare sempre una rivista sia realmente indicizzata nella Directory of Open Access Journals, digitandone il nome nella casella di ricerca sul sito della Directory,anche se il suo sito web porta il logo o dichiara di essere indicizzata.

Non si è mai troppo attenti e basta poco a verificare.

Inoltre, DOAJ accoglie con favore le segnalazioni di riviste che dichiarano di essere indicizzate nel repertorio senza esserlo realmente.

Sul blog di DOAJ c’è una lista, periodicamente aggiornata, delle riviste che dichiarano falsamente di essere indicizzate.

Note   [ + ]

1. Marchitelli, A., Galimberti, P., Bollini, A., & Mitchell, D. (2017). Helping journals to improve their publishing standards: a data analysis of DOAJ new criteria effects. JLIS.it, 8(1), 1-21. doi: http://dx.doi.org/10.4403/jlis.it-12052

Lascia un commento