JLIS.it premiata con il DOAJ Seal

JLIS.it ha festeggiato l’inizio del settimo anno di pubblicazioni con il ricevimento del Sigillo di Doaj, un riconoscimento delle best practices editoriali che la rivista ha adottato sin dalla nascita e che con impegno si sforza di mantenere.

Per farlo, JLIS.it ha dimostrato di:

  1. avere stabilito un accordo di archiviazione e conservazione permanente con LOCKSS, che l’ha inserita gratuitamente nel suo archivio dopo che ne ha valutato la qualità editoriale (la compatibilità di OJS con le specifiche LOCKSS ha reso poi il processo di conferimento più semplice e del tutto automatico);
  2. utilizzare identificatori permanenti dei contenuti pubblicati, attraverso il servizio di registrazione fornito da mEDRA (anche in questo la predisposizione di OJS per l’attribuzione e la registrazione dei DOI gioca un ruolo determinante);
  3. fornire a DOAJ i metadati degli articoli (funzionalità assolta benissimo da OJS);
  4. avere scelto una licenza CC BY per il riuso dei contenuti; attraverso i meccanismi OJS la licenza è inoltre esposta in formato machine-readable nei metadati degli articoli;
  5. avere registrato la propria policy di deposito in SHERPA/RoMEO;
  6. permettere agli autori di mantenere il copyright senza alcuna restrizione.

JLIS.it è unica!

A ormai un paio di anni dall’introduzione del DOAJ Seal, le riviste che lo hanno ricevuto sono una frazione minima di quelle indicizzate, anche perché è ancora in corso il processo di reapplication al termine del quale saranno effettivi i nuovi criteri.

Al momento, su 11.026 journal elencati, solo 212 hanno ricevuto il sigillo, ma sono in crescita.

Enorme soddisfazione mi ha dato, però, accorgermi che, fino a oggi JLIS.it è l’unica rivista della classe “Bibliography. Library Science. Information resources ad aver ricevuto tale riconoscimento…

Immagine da DOAJ che mostra i dati di JLIS.it
JLIS.it è l’unica rivista dell’area LIS ad aver ottenuto il DOAJ Seal (agg. 16 gennaio 2016)

Restiamo a vedere se e come la situazione cambierà.